Economia del mare, entra nel vivo il Flag Costa di Pescara

PESCARA – Entrano nel vivo, con tre appuntamenti, le iniziative del Flag Costa di Pescara. Due i convegni che si svolgeranno il 30 e il 31 luglio in concomitanza con la Festa di Sant’Andrea per presentare le opportunità offerte dall’unione dei soggetti pubblici, privati e della società civile che collaborano per promuovere lo sviluppo sviluppo delle comunità e delle zone di pesca, ma sabato 29 luglio alle ore 19 ci sarà un momento speciale con l’inaugurazione della stele commemorativa dedicata alle donne del mare, realizzata in pietra della Majella da un maestro scalpellino e che verrà collocata al centro della rotonda Paolucci, nei pressi del Mercato Ittico.

“Il Flag è un’opportunità straordinaria offerta dai fondi della Comunità Europea – dice l’assessore alle Attività Produttive Giacomo Cuzzi – e ci permette, attraverso risorse economiche concrete, di poter investire sia sulla valorizzazione delle nostre tradizioni e della nostra cultura e sia sul futuro del comparto legato all’economia del mare, attraverso una serie di attività che partiranno a settembre. Verranno infatti promosse iniziative legate alla promozione e valorizzazione dei prodotti della tradizione marinara locale, ovvero investimenti sullo sviluppo di diversi settori come miglio zero e itti-turismo, il cosiddetto miglio zero e attività di valorizzazione dei beni culturali del territorio, fra questi, eventi al Museo del Mare, il Museo diffuso e la presenza sulla trasmissione Rai Linea Blu, un’opportunità importante che racconterà il nostro territorio e le nostre bellezze legate al mare e alle tradizioni a livello nazionale”.

“Questo Flag sarà il volano per il futuro della marineria – aggiunge Riccardo Padovano, consigliere comunale delegato al Mare e Porto – Per guardare avanti è necessario partire dalle radici e nelle nostre radici c’è lo straordinario lavoro delle donne di mare, alle quali abbiamo voluto dedicare una stele che verrà scoperta sabato 29 luglio alle ore 19. La stele, realizzata in pietra della Majella da un maestro scalpellino, verrà collocata al centro della rotonda Paolucci, angolo Lungofiume dei Poeti e sarà il simbolo di tutti sacrifici che le donne di mare da sempre hanno fatto”.

“E’ necessario fare squadra affinché vengano portate avanti iniziative costruttive finalizzate alla valorizzazione del patrimonio culturale locale – dice Mimmo Grosso, presidente dell’Associazione Armatori di Pescara – Una dimensione che fa sacrifici ogni giorno e che in questi giorni piange due suoi figli, ma che va avanti, perché il mare è la nostra storia e dobbiamo continuarla e metterla al passo con i tempi”.