In consiglio regionale un’interpellanza per l’aumento dei pedaggi autostradali

L’AQUILA – Approderà oggi, martedì 10 aprile, in consiglio regionale l’interpellanza depositata lo scorso gennaio per chiedere al Governatore Luciano D’Alfonso quali iniziative intendesse concretamente mettere in atto per impedire “il salasso degli abruzzesi determinato dallo spropositato aumento dei pedaggi autostradali sull’A24 e A25 pari al 12,89%”.

Lo ha annunciato il capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri, ufficializzando la discussione dell’interpellanza firmata con i consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo, Gianni Chiodi, Paolo Gatti, Emilio Iampieri e Mauro Di Dalmazio.

“Purtroppo – afferma Sospiri – dopo quattro mesi la risposta la conosciamo già: il Presidente D’Alfonso non ha fatto nulla, non ha mosso un dito, a fronte dell’attivismo del Presidente della Regione Lazio Zingaretti che, dal canto suo, ha chiesto addirittura a Capodanno un incontro urgente con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per tutelare i propri cittadini dallo stesso rincaro. A oggi la realtà è chiara: il Presidente-neosenatore non ha imitato il suo collega laziale, non è salito sulle barricate per difendere gli abruzzesi, e oggi ci aspettiamo le solite lacrime di coccodrillo per il suo ‘avrei voluto, ma non ho potuto’. Da quattro mesi attendiamo di sapere perché non si sia pronunciato nel merito, perché non abbia dichiarato guerra a quegli aumenti inaccettabili, perché abbia scelto di non difendere l’Abruzzo a Roma, forse, sappiamo oggi, per non pestare troppi piedi in vista della sua candidatura senatoriale in un collegio blindato. Una candidatura barattata con il salasso degli abruzzesi”.