Shock prezzi, l’Abruzzo si scopre tra le regioni più care

TERAMO – Chi l’avrebbe mai detto? New entry dell’Abruzzo nella top ten delle città e delle regioni più care d’Italia stilata dall’associazione dei Consumatori su dati Istat relativi all’inflazione di agosto dei capoluoghi di regione e delle regioni. In questa classifica entra l’Abruzzo, dove l’inflazione dell’1,8% genera una spesa annua supplementare di 664 euro.

Secondo lo studio dell’associazione di consumatori, infatti, in testa alla classifica delle città più care, in termini di maggior spesa, si conferma Bolzano, con il picco dell’inflazione, 2,9%, equivalente a 1622 euro. Segue Trento, dove il rialzo dei prezzi del 2,5% determina un aumento del costo della vita, per una famiglia di 4 persone, pari a 1276 euro e, terza, Firenze, dove l’inflazione dell’1,4% comporta un aggravio annuo di spesa di 702 euro.

In testa alla top ten delle regioni più costose, in termini di rincari, c’è ancora una volta il Trentino Alto Adige, dove l’inflazione del 2,7% significa, per una famiglia di 4 persone, una batosta pari a 1460 euro su base annua.