Paolucci: “La Zona Economica Speciale in Abruzzo si farà”

L’AQUILA – “La ZES in Abruzzo si farà e sarà rispondente e coerente con lo sviluppo del proprio territorio. La Regione Abruzzo, nell’interesse della propria economia e nel rispetto delle indicazioni legislative, redigerà il miglior Piano di Sviluppo Strategico possibile. L’Ente elaborerà con tutti gli stakeholder interessati, in proprio o in collaborazione interregionale, la strategia di partnership con altre istituzioni e organismi di settore in un quadro di sviluppo continuamente in evoluzione territoriale”. Ad annunciarlo è l’assessore regionale al Bilancio, Silvio Paolucci.

“La Regione Abruzzo – prosegue in una nota – continuerà ad avere comportamenti di correttezza istituzionale dentro e fuori i propri confini. E’ questo lo scenario che guiderà l’azione politico-amministrativa della nostra Regione e che non potrà risentire delle sguaiate uscite del consigliere regionale Mauro Febbo e men che meno a privare la Regione Abruzzo di un importante strumento per il potenziamento del suo tessuto connettivo economico come quello della ZES – Zona Economica Speciale – che proprio la nostra Regione ha conseguito con un emendamento alla legge che le istituiva. E deve essere proprio l’assenza di elementi minimi di conoscibilità dell’impianto normativo, il DL 91/2017 ed il DPCM 12/2018, a far gridare allo scandalo il prode consigliere sulla scelta operata dalla Regione Molise di partecipare al programma interregionale con la Regione Puglia”.

“Un’opportunità e una legittima scelta, quella del Molise – sottolinea Paolucci – che non pregiudica in alcun modo il percorso della Regione Abruzzo, che sceglierà nelle opzioni offerte dalla legislazione senza neanche tralasciare la possibilità di configurare il territorio della ZES all’interno dei confini della stessa regione”.