PRESENTATA L’APP SOSPOLTORE

SPOLTORE – Il Comune di Spoltore ha presentato l’App SoSpoltore in sala consiliare: disponibile per Android e iOS, è già scaricabile sugli smartphone più diffusi. Si aggiornerà automaticamente ed entrerà in funzione nelle situazioni di emergenza nel territorio di Spoltore: consentirà ai cittadini di segnalare eventuali criticità, geolocalizzando la posizione del telefono. Nel contempo, consentirà agli operatori di Protezione civile di interagire tra loro e con i cittadini: ad esempio, durante un’evacuazione scolastica, i genitori dotati dell’App riceveranno automaticamente una notifica sul proprio dispositivo. Hanno partecipato alla presentazione il sindaco Luciano Di Lorito, il consigliere delegato alla protezione civile Stefano Burrani, il comandante della polizia municipale Panfilo D’Orazio, Marianna Belfatto della Sinergie education, partner del Comune nel progetto #Comunicare l’Emergenza che ha finanziato lo sviluppo dell’App.

A rappresentare la Protezione Civile Regionale c’era Paola Di Marco, che ha portato i saluti del presidente della regione Marco Marsilio e del dirigente Silvio Liberatore: “saluti doverosi perché Liberatore è stato presidente della commissione che ha valutato i progetti. Quello di Spoltore è uno dei migliori presentati. Il sistema di Protezione Civile Regionale è uno dei miglior perché ne abbiamo passate tante e abbiamo affilato le armi. Le emergenze non sono mai uguali le une alle altre: arriva sempre l’imprevisto, e poi leggi nuove che cercano aggiustamenti. Il sistema di protezione civile può funzionare solo se tutti i componenti funzionano e se il cittadino funziona: se ben informato diventa soggetto attivo della protezione civile. In breve comunicare per proteggere, dare al cittadino tutte le informazioni per proteggere sé stesso e gli altri”.

Presente anche una rappresentanza del gruppo di lavoro del Cetemps, centro d’eccellenza dell’Università dell’Aquila che si occupa di previsioni a breve e lungo termine su temi meteo-idro-climatici: “noi” ha detto Barbara Tomassetti, che assieme ad Annalina Lombardi e Valentina Colaiuda fa parte dello staff di ricerca in modellistica idrologica “siamo un anello del sistema della protezione civile. E’ ormai chiaro il rapporto tra eventi estremi e cambiamenti climatici: avere tanta pioggia in poco tempo è un fenomeno in crescita”. Tomassetti ha evidenziato che quasi la totalità dei Comuni abruzzesi sono a rischio alluvione: “per gestirle bisogna studiare gli eventi del passato, affinare monitoraggio e previsioni come è già accaduto in questi anni, tanto che le previsioni prima erano affidabili a 3 giorni e adesso a 5 giorni.

L’App è stata presentata da Michele Lasaponara, della Campsolutions di Pescara: “Lo ringrazio”, ha detto Burrani, “perché ha lavorato per fare in modo che la app fosse funzionale al 100%”.